Battuto all’asta tartufo bianco da 100mila euro, edizione da record

Questa particolare edizione dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba si è conclusa nel migliore dei modi; nonostante l’emergenza sanitaria abbia costretto gli organizzatori a svuotare le sale, l’evento è stato seguitissimo sul web, generando ricavi record per 482mila euro, portando la raccolta totale a 5.282.000 euro.

Dal Castello di Grinzane a Hong Kong

La ventunesima edizione dell’Asta Mondiale si è svolta dall’affascinante Castello di Grinzane Cavour, a Cuneo, purtroppo senza pubblico a causa delle stringenti normative anti-contagio, in diretta con alcune location d’eccezione a Hong Kong, Mosca, Singapore e Dubai. L’evento, condotto da Caterina Balivo, Enzo Iacchetti e Paolo Vizzarri, ha visto come protagonisti dei tartufi di pregio assoluto – in abbinamento ad alcune preziose bottiglie di Barolo e Barbaresco –, dei quali il più importante, dal peso eccezionale di 900 g, è partito con una base d’asta di 10mila euro ed è stato aggiudicato a un imprenditore di Hong Kong per la cifra esorbitante di 100mila euro. Tra gli altri esemplari più importanti ci sono stati anche 2 tartufi bianchi, rispettivamente di 240 e 270 g, assegnati però a due imprenditori piemontesi.

Foto di proprietà di targatocn.it ( link)

Ogni paese coinvolto donerà parte dei ricavi

"Ancora una volta siamo riusciti a veicolare nel mondo i grandi prodotti piemontesi insieme a un concreto messaggio e contributo di solidarietà", commenta Fabio Carosso, vicepresidente della Regione Piemonte. Ciascuno dei paesi partecipanti, investirà infatti dei proventi in iniziative benefiche: in Italia serviranno per ospitare i giovani medici specializzandi in arrivo in Piemonte a supporto dei reparti Covid degli ospedali più in difficoltà, ad Hong Kong verranno devoluti a un istituto che offre sostegno a giovani madri e a bambini orfani, in Russia verrà finanziato uno speciale centro ricerca per le malattie oncologiche, ematologiche e immunologiche dell’infanzia, mentre a Singapore la raccolta verrà investita all’interno di un progetto per la promozione dell'educazione al cibo e della consapevolezza dei consumi (rivolto a bambini provenienti da famiglie in difficoltà).

L'Asta è stata organizzata dall’Enoteca Regionale Piemontese Cavour con il supporto della Regione Piemonte, dell’Enit, dell’Agenzia Nazionale Italiana del Turismo, del Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e del Centro Nazionale Studi Tartufo.

Foto di proprietà di targatocn.it ( link)

Fonti: Ansa, Dissapore, Mole24, Targatocn.it, Fieradeltartufo.org, Castellodigrinzane.com

Altri articoli dal Blog