I paesi del sud est europeo offrono un'alternativa al tartufo italiano e francese?

Quando pensiamo al tartufo, di solito ci vengono in mente immagini del pittoresco nord Italia, di piccole città piemontesi. Questo è certamente dovuto al fatto che il nome del Tuber magnatum pico è Alba, dal nome della città e del comune italiano della regione Piemonte, in provincia di Cuneo. Oppure, quando pensiamo ai tartufi, pensiamo direttamente alle note regioni della Francia, in particolare alla Provenza, dove si trova circa l'80% dei tartufi francesi. Ma sono davvero questi gli unici Paesi a possedere molte di queste preziose risorse naturali?

Il clima desiderato e le condizioni del terreno perfette per i tartufi.

Temporali in Europa, feroci incendi boschivi e la tanto agognata pioggia non è ancora in vista: estremi e immensa siccità caratterizzano l'anno 2022. Per la natura e l'ambiente, così come per l'uomo, si tratta di una grande sfida. Come per la maggior parte degli impatti del cambiamento climatico, uno sguardo più attento mostra cosa significhi realmente per gli individui. I cercatori di tartufi in Italia hanno un anno difficile a causa di questi estremi: il raccolto non sarà molto ricco perché il tartufo è delicato e ha bisogno di determinate condizioni climatiche per crescere. Le condizioni devono essere perfette perché i tartufi crescano correttamente. Il tartufo nero del Périgord (Tuber melanosporum), il tartufo bianchetto (Tuber borchii) e il tartufo di Borgogna (Tuber aestivum) hanno bisogno di un terreno leggermente alcalino con un contenuto di umidità molto elevato e ben drenato. Il terreno ideale per la coltivazione dei tartufi ha un valore di pH compreso tra 7,6 e 7,9.

Partendo dal presupposto che le note regioni italiane e francesi non sono in grado di raccogliere una quantità di tartufi sufficiente a soddisfare la domanda, i Paesi dell'Europa sud-orientale offrono una reale alternativa?
Fortunatamente, ci sono diversi paesi nel mondo, anche in Europa, che non sono necessariamente noti per i loro tartufi, ma possono offrire molto. La loro scarsa familiarità con il tartufo deriva solitamente dal fatto che il tartufo non è molto popolare nella cucina locale, come nel caso della Bulgaria, ad esempio. Ma questo non significa che la loro qualità non sia impeccabile!
Gli ecosistemi e le condizioni per il tartufo sono in parte ideali in alcuni Paesi dell'Europa sud orientale. Nella parte centro-occidentale della penisola balcanica, i terreni sono da neutri a leggermente alcalini e ci sono molti alberi ospiti. Poiché la distribuzione degli alberi ospiti dipende fortemente dall'altitudine e dall'esposizione, i tartufi si trovano di conseguenza in maggior numero in queste regioni. Le regioni pianeggianti e collinari della parte centro-occidentale della penisola balcanica ospitano generalmente tartufi di qualità e quantità variabili. La specie di tartufo più comune nella penisola balcanica centro-occidentale è il Tuber rufum Pico.

Croazia

Da qualche anno a questa parte, la penisola dell'Istria, in Croazia, è sempre più al centro dell'attenzione, poiché vi si coltivano e si raccolgono anche tartufi bianchi di alta qualità, il Tuber Magnatum Pico. Qui il tartufo cresce nelle aree boschive dell'entroterra che non superano i 700 metri di altitudine e viene raccolto con l'aiuto di cani e maiali cercatori di tartufo. Ogni autunno si svolgono le tradizionali Giornate istriane del tartufo, dove si tengono aste di tartufi, cacce al tartufo, degustazioni e vendite.

Romania e Bulgaria

Eccellenti tartufi bianchi maturano in alcune regioni della Romania e della Bulgaria, soprattutto nei paesaggi boschivi. I tartufi vengono raccolti tra settembre e dicembre di ogni anno e sono in parte utilizzati per la cucina locale, ma soprattutto esportati in altri Paesi europei, soprattutto in Italia, Germania, Spagna, Ungheria e Austria.

Serbia

Nell'intera area della Bosnia e della Serbia sono state scoperte finora 13 specie diverse di tartufi, tra cui il tartufo bianco. Secondo l'esperienza, si trovano lungo i fiumi Sava e Mlava. Nell'ultimo decennio, in Bosnia e in Serbia sono state condotte ricerche estese e produttive sui tartufi.

Quindi, poiché è difficile per i paesi più noti come l'Italia e la Francia tenere il passo con la domanda a causa del riscaldamento globale e della diminuzione delle precipitazioni, che provocano un calo significativo del raccolto selvatico, i paesi dell'Europa sud orientale offrono sicuramente un'alternativa di alta qualità.

Altri articoli dal Blog